PALAZZO DELLA LOGGIA

Piazza della Loggia, 1
25121 Brescia

Telefono 030.2977302

Dal lunedì al venerdì 9-12:30 / 14 - 19:30
Sabato 9-12:30

Palazzo della Loggia – Il Palazzo della Loggia è il Municipio di Brescia, sede del Consiglio e della Giunta Comunale, ospita al suo interno anche gli uffici del Sindaco, del Vicesindaco e del Presidente del Consiglio Comunale.

 

Visualizzazione ingrandita della mappa

Il Palazzo, che dà il nome anche alla piazza su cui sorge, è stato progettato nel 1484 per sostituire il vecchio palazzo tardo gotico di Nicolò Lupi risalente agli anni 1435-1436. I lavori iniziarono nel 1492 a seguito dell’abbattimento della loggia del Lupi. Il progetto del nuovo palazzo era del vicentino Tommaso Formentone, ma a causa dell’invasione francese del 1512 i lavori furono interrotti a lungo.

Fotografia storica di inizio '900 di Palazzo Loggia con la copertura vanvitelliana - Itinerari Brescia - Origine Foto: http://it.wikipedia.orgPalazzo della Loggia - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Ingresso principale e portico - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura GattaIngresso nord del Palazzo - Itinerari Brescia - Origine Foto: http://it.wikipedia.org

Nel 1530 il lavori ripresero e furono affidati a Stefano Lamberti, al quale dobbiamo lo splendido portone di ingresso al palazzo e nella seconda metà del XVI secolo fu costruito anche il piano rialzato del palazzo. Alla costruzione di questa parte presero parte i più grandi nomi dell’epoca: Palladio, Sansovino e Alessi, nonostante la presenza di questi grandi architetti i lavori furono affidati al bresciano Ludovico Beretta, nel 1560 il secondo ordine e le decorazioni erano terminate. Il gusto di questa parte del palazzo è meno rinascimentale e sicuramente più manierista in coerenza col gusto del tempo.

Sala del Consiglio Comunale - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura GattaDettaglio del soffitto della sala del Consiglio Comunale - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Scalone - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura GattaAffreschi del soffito dello scalone - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Nella parte superiore del primo ordine, lungo tutto il perimetro del Palazzo della Loggia possiamo vedere, inseriti all’interno di apposite nicchie, busti di imperatori romani scolpiti da Antonio Porta detto il Tamagnino e da Gasparo da Coirano. Il grande portico a tre navate di tre campate ciascuna è, senza dubbio, la parte più caratterizzante della facciata. Questa sezione è sostenuta da una grande volta che aveva il compito di coprire il fiume Garza e reggere la struttura soprastante. Sempre sulla facciata, sopra la balaustra vi sono quattro statue: le due esterne rappresentano i santi Faustino e Giovita e le due centrali la Fede e la Giustizia.

Scalone e monumento al Conte di Cavour - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura GattaDettaglio della balaustra - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Particolare del primo piano - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura GattaParticolare delle decorazioni interne del Palazzo - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

Nel 1575 un violento incendio distrusse la copertura a volta e le opere del Tiziano in essa contenute. Dopo svariati e fallimentari tentativi di coprire il Palazzo della Loggia, nel 1766 il grande architetto Luigi Vanvitelli fu chiamato a progettare la nuova volta e il grande salone che da lui prende il nome, i lavori ebbero luogo dal 1769 al 1771, ma la copertura vanvitelliana non piacque e tra mille polemiche, nel 1914, su progetto di Antonio Tagliaferri, fu realizzata la nuova grande copertura in piombo a forma carena di nave che tutt’oggi possiamo ammirare. Sempre il Tagliaferri, nel 1902, aveva realizzato il grandioso scalone di accesso al piano superiore.

Foro di una bomba di cannone austriaco - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura GattaSalone vanvitelliano - Itinerari Brescia - Fotografia di Laura Gatta

A nord del Palazzo della Loggia, ma a esso collegato, vi è un piccolo palazzo rinascimentale che era l’antico ingresso del municipio, all’interno c’è un altro scalone che oggi viene utilizzato solo per rari ed eccezionali occasioni.

Poco distante dal Palazzo della Loggia potete trovare anche Piazza della Vittoria con lo splendido Torrione (il primo grattacielo d’Italia) e Piazza Paolo VI (Piazza Duomo) col maestoso Duomo Nuovo, il millenario Duomo Vecchio, Arco del granarolo di Rodolfo Vantini e l’ex chiesa di Sant’Agostino nel Broletto. Dalle finestre del salone vanvitelliano si possono scorgere sia la torre di Porta bruciata che il Castello di Brescia.

Testo di Lorenzo Del Pietro.

Fotografie di Laura Gatta. 

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *